Cinquant’anni dalla prima impronta sulla luna

IN LIBRERIA DAL 13 OTTOBRE

Armstrong

di Torben Kuhlmann

La vera storia del primo allunaggio

Ormai è certo. La NASA mentì. Non fu l’Apollo 11, nel 1969, a sbarcare il primo terrestre sulla luna. Fu un altro terrestre, nel 1966, a calcare per primo il suolo lunare!

Tutto era cominciato quando un piccolo topo, amante di cannochiali e telescopi, aveva scoperto che non di formaggio, ma di pietra era fatta la luna. Nessuno, tranne un vecchio topo di museo, gli credette. Fu lui a raccontargli di quel topo aviatore che per primo aveva sorvolato l’oceano. E fu allora che gli venne l’idea di raggiungere la luna. Studi indefessi

di fisica e astronomia, solerti ricerche su materiali e propellenti, ed ecco pronto il razzo.

Un incendio però blocca il progetto, e lo svela a FBI e NASA. Subito i G-Men si mettono alla caccia del topo astronauta, ma quando lo rintracciano è già sulla rampa di lancio,

e non possono fermarlo. La ionosfera, lo spazio, infine l’allunaggio. Un’impresa titanica festeggiata, al ritorno sulla terra, da tutta la comunità dei roditori.

Alla fine, a rosicare resteranno solo gli scienziati della Nasa e i loro tre astronauti…

Puntare sempre più in alto

Poco più di trent’anni d’età, e quasi altrettanti di passione per le macchine. Prime tra tutte quelle volanti. A righe o a quadretti, i suoi quaderni delle elementari erano già pieni

di aeroplani e di treni. Una passione coltivata con costanza, fino ad arrivare all’università.

Sì, perché il primo libro di Torben KuhlmannLindberg. L’avventurosa storia del topo

che sorvolò l’oceano– è la sua tesi di laurea. E se la tesi ottenne il massimo dei voti, e la lode, la pubblicazione, non da meno sarà il successo editoriale. Le edizioni tedesche si susseguono l’una all’altra, mentre ormai sono una dozzina le edizioni in giro per il mondo.

Riuscita la prima trasvolata atlantica senza scalo -e dopo una straordinaria incursione nelle viscere delle terra con Mole town. La città sotterranea– ora è pronto alla conquista dello spazio. E torna di nuovo a vibrarsi nel cielo con l’incredibile storia di un altro piccolo topo con un altro grande sogno. Essere il primo a mettere la zampa sulla luna.

“Sono stato sempre affascinato dal volo, da quello individuale, con le ali per esempio,

ma anche da quello con gli aeroplani. Costruire qualcosa per raggiungere un obiettivo

è la mia ispirazione. E a quella ispirazione cerco sempre di restare fedele.”

Armstrong -124 pagine a colori, 19,50 euro- in libreria dal 13 ottobre

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...